Comunicati Stampa : INDAGINE CONGIUNTURALE SUL SETTORE DELLE COSTRUZIONI - II SEMESTRE 2011
Inviato da admin il 13/3/2012 10:30:00 (353 letture)

Oggetto dell’indagine: imprese individuali con più di 10 addetti e società con più di 5 addetti
Variazioni percentuali rispetto al II semestre 2010

PRODUZIONE -4,8% FATTURATO -0,6% COMMESSE -3,4% OCCUPAZIONE -7,0%

Nelle imprese edili individuali con più di 10 addetti e società con più di 5 addetti i principali indicatori registrano generalmente un andamento semestrale positivo e annuale negativo. Le aspettative per il prossimo semestre sono pessimistiche ad eccezione delle grandi aziende.


Il quadro congiunturale. L’indagine del Cresa, condotta su 138 imprese edili con sede nella regione, mostra una certa ripresa congiunturale (produzione: +5,8%; fatturato: +7,7%; commesse: +5,4%). Tale ripresa non è stata però sufficiente a recuperare il calo annuale (produzione: -4,8%; fatturato: -0,6%; commesse: -3,4%). L’occupazione ha sperimentato un lieve decremento semestrale (-0,6%) ma anche una maggiore diminuzione su base annua (-7,0%). L’occupazione straniera è in fase di evidente contrazione su entrambi gli orizzonti temporali (rispettivamente -14,5% e -15,2%). Tutte le tipologie di costo, relative alle materie prime, all’energia e alla manodopera, registrano incrementi.
Le previsioni per i prossimi sei mesi sono molto negative per produzione, commesse e fatturato e in peggioramento rispetto al I semestre 2011. Solo i costi di produzione vengono stimati in aumento.

Le piccole e medie imprese. Le piccole imprese (6-9 addetti) fanno registrare diminuzioni congiunturali e tendenziali di produzione e commesse. Il fatturato mostra una certa ripresa semestrale (+2,1%) non sufficiente a recuperare il calo nel lungo periodo (-9,5%). L’occupazione totale aumenta nel breve periodo (+3,2%) ma non compensa il calo annuale (-10,0%); quella straniera mostra una flessione consistente su entrambi gli orizzonti temporali.
Le imprese di media dimensione (10-49 addetti) per produzione, commesse e fatturato segnano aumenti semestrali e contemporanee diminuzioni annuali. L’occupazione, sia totale che straniera, diminuisce sia dal punto di vista congiunturale che tendenziale.
Per entrambe le classi dimensionali tutte le tipologie di costo aumentano sia su base semestrale che annua e le aspettative degli operatori sono pessimistiche.

Le grandi imprese. Per le grandi imprese (con oltre 50 dipendenti) il secondo semestre 2011 ha mostrato andamenti congiunturali positivi e migliori di quelli regionali (produzione: +15,5%, fatturato: +9,2%; commesse: +8,2%). Gli andamenti tendenziali sono negativi e più pesanti della media regionale, segno che la maggiore contrazione non è stata ancora recuperata. L’occupazione totale è in calo sia su base semestrale (-5,0%) che annua (-3,4%), mentre quella straniera mostra una flessione sul breve periodo (-3,4%) e un contemporaneo aumento sul lungo (+2,8%). Tutte le tipologie di costo aumentano nel semestre e nell’anno meno della media regionale. Le aspettative sono molto positive per produzione, commesse e fatturato. Sono previsti in aumento anche i costi di produzione.




























Il Comunicato Stampa in formato Pdf

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news