• ES2015

    ECONOMIA E SOCIETA’ IN ABRUZZO – RAPPORTO 2015

    Durante il 2015 l’economia italiana ha finalmente mostrato una moderata ripresa, grazie ai bassi prezzi del petrolio, alla debolezza dell’euro e al recupero della domanda interna, con un incremento del Pil pari al +0,8%, valore che rimane tra i più bassi nell’ambito delle economie avanzate, ma che consente di riconoscere nell’anno appena trascorso quello dell’inversione di tendenza rispetto ad anni di deludenti segni negativi.

    Letture: 120


    Continua a leggere »
  • cop_2k16

    Annuario delle Industrie Abruzzesi 2016

    L’Annuario delle industrie abruzzesi riporta l’elenco delle aziende di produzione operanti in
    Abruzzo con una occupazione minima di sei addetti. Rispetto alle precedenti edizioni, che
    includevano le imprese con almeno 10 addetti, la presente conta, pertanto, il raddoppio
    delle aziende inserite.

    Letture: 340


    Continua a leggere »
  • Congiuntura 1-2016

    CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE – N.1/2016

    CHIARI SEGNALI POSITIVI

    PER NON RIPETERE GLI ERRORI DEL PASSATO

    Letture: 279


    Continua a leggere »
  • giornata economia 2016

    DOSSIER ABRUZZO 2016 – XIV Giornata dell’Economia

    La “Giornata dell’Economia”, che giunge quest’anno alla 14^ edizione, è un appuntamento annuale di presentazione e approfondimento delle dinamiche economiche e produttive del territorio promosso dal Sistema camerale italiano.

    Letture: 338


    Continua a leggere »
  • VA_cop

    IL VALORE AGGIUNTO NEI COMUNI ABRUZZESI

    La conoscenza di qualsiasi tipo di fenomeno è fondamentale per poter supportare in maniera adeguata e responsabile ogni decisione che lo riguardi. Tale concetto fu espresso magistralmente da Luigi Einaudi nel 1955 ed è ancora di grande attualità, essendo sempre indispensabile conoscere per poter decidere consapevolmente ed effettuare scelte appropriate, ad esempio sia quelle di policy da parte delle amministrazioni locali sia quelle relative agli investimenti da parte dei soggetti privati.

    Letture: 328


    Continua a leggere »
  • copertina suppl 2014-5

    CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE – SUPPL. AL N. 4/2015

    2015: UN ANNO DI TRANSIZIONE

    ANCHE PER COMMERCIO E ARTIGIANATO

    La recente conclusione dell’anno 2015, dopo quella espressa sugli altri settori monitorati dal Cresa, impone una riflessione anche sull’andamento registrato dai settori del commercio e dell’artigianato e sulle aspettative previste per il prossimo futuro.

    Letture: 458


    Continua a leggere »
  • icona cresa informa

    CRESA INFORMA n. 5/2016

    Le imprese individuali di titolari extra UE reggono meglio la crisi

    Gli immigrati che hanno aperto un’impresa in Abruzzo sono numerosi considerando che al 31 dicembre 2015 le imprese individuali con titolare proveniente dai Paesi extra Unione Europea sono 7.781. La loro distribuzione premia le province di Teramo (2.670 pari al 34,3%) e Pescara (2.362 cioè il 30,4%) rispetto a quelle di Chieti (1.652 corrispondenti al 21,2%) e L’Aquila (1.097 pari al 14,1%). Agli immigrati fa capo l’8,8% delle imprese individuali abruzzesi (rispetto al 10,9% italiano), percentuale risultante dai valori elevati di Teramo (13,0%) e Pescara (11,4%) e quelli minori di L’Aquila (6,6%) e Chieti (5,4%).

    Letture: 271


    Continua a leggere »
  • 880X290_4_2015

    CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N. 4/2015

    SI CONFERMA L’AVVIO DELLA RIPRESA

    MA È ANCORA PRESTO PER CANTARE VITTORIA

    La fine del 2015 è trascorsa da qualche mese cosicché è possibile sintetizzare gli andamenti che hanno caratterizzato l’anno appena trascorso e avanzare ipotesi sulle tendenze che si potranno manifestare nel prossimo futuro.

    Letture: 563


    Continua a leggere »
  • 880x290_Presente

    Temi e Problemi n. 1/2016

    PRESENTE!

    Evoluzione recente della popolazione scolastica in Abruzzo. Possibili scenari nel comune dell’Aquila per zone urbanistiche.

    Letture: 590


    Continua a leggere »
  • line_chart

    CRESA Informa N. 4/2016

    Secondo l’analisi svolta dal CRESA sulla base dei dati del Sistema Camerale, le imprese abruzzesi under 35 sfondano il tetto delle 15.000 unità, arrivando a quota 15.496, 10,5% del totale delle imprese operanti in regione, peso leggermente superiore alla media nazionale (10,3%).

    Letture: 297


    Continua a leggere »
  • grafico

    CRESA INFORMA N. 3/2016

    3.140 posti di lavoro offerti dalle imprese nel I trimestre 2016

    Per il primo trimestre 2016 le imprese abruzzesi prevedono 4.770 assunzioni programmate che, confrontate con le 4.140 uscite – determinate da scadenza di contatti, pensionamento e altri motivi – generano un saldo di 630  lavoratori in più.

    Letture: 414


    Continua a leggere »
  • speed

    CRESA Informa n. 2/2016

    Natalità e mortalità delle imprese: nel 2015 l’Abruzzo continua a registrare lievi segnali positivi. Permangono problemi per l’artigianato

    Nel corso del 2015 i registri delle Camere di commercio hanno rilevato in Abruzzo la nascita di 8.689 imprese e la cessazione di 8.556 (al netto delle cancellazioni d’ufficio) cosicché il saldo è risultato leggermente positivo (133).

    Letture: 537


    Continua a leggere »
  • Istogramma

    CRESA Informa N. 1/2016

    I fallimenti delle imprese abruzzesi:

    in aumento le procedure aperte nei primi 11 mesi 2015

    Tra gennaio e novembre 2015 le procedure fallimentari aperte dalle aziende abruzzesi sono state 328, contro le 269 del corrispondente periodo del 2014, registrando un incremento del 21,9%, notevole rispetto alla diminuzione del 4,9% segnata dall’Italia e che si configura come terzo peggior risultato tra le regioni italiane.

    Letture: 340


    Continua a leggere »
  • 880x290_cong_3_2015

    CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N. 3/2015


    LA MANIFATTURA ACCELERA NEL TERZO TRIMESTRE 2015


    SEGNALI INCORAGGIANTI ANCHE DA ALTRI SETTORI, MA LA STRADA È LUNGA

    Nei primi tre trimestri del 2015 l’attività economica in Abruzzo ha mostrato un ulteriore generale recupero. Con riferimento a questo periodo, i risultati delle rilevazioni della Banca d’Italia sulle imprese manifatturiere abruzzesi con almeno 20 addetti sono positivi: quasi il 60% degli imprenditori intervistati ha dichiarato un fatturato in crescita rispetto al 2014. La ripresa delle vendite dalle imprese esportatrici si è estesa anche a quelle che operano per lo più sul mercato interno.

    Letture: 535


    Continua a leggere »
  • 880x290_Suppl_1_2-2015

    CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE – SUPPL. AL N. 1-2/2015

    ULTERIORI SEGNALI VERSO IL MIGLIORAMENTO

    L’avvicinarsi della fine dell’anno impone sempre, in qualche modo, la possibilità di una prima rappresentazione delle principali tendenze in atto ma anche qualche ipotesi sulla loro evoluzione futura.

    Letture: 700


    Continua a leggere »
  • 880x290_1_2_2015

    CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N.1-2/2015

    ON LINE!

    Benvenuti nel Web!
    Questo numero segna l’inizio della nostra avventura digitale.
    Pur cambiando la “forma” lo strumento e, soprattutto, i suoi contenuti non subiranno modifiche se non di natura tipografico-editoriale.
    Sarà più snello, facilmente accessibile e consultabile e soprattutto stampabile da chiunque: addetti ai lavori, studiosi o semplici interessati.

    Letture: 782


    Continua a leggere »
  • 880x290_GE2015

    15 GIUGNO 2015 – XIII GIORNATA DELL’ECONOMIA

    COMUNICATO STAMPA

    In un contesto nazionale ancora negativo, per il 2014 le stime disponibili ed elaborate dal Cresa indicano per l’Abruzzo una flessione del Pil dell’1,8% in termini reali rispetto all’anno precedente (-0,2% l’Italia).

    Letture: 701


    Continua a leggere »
  • Ann_Ser2014

    Annuario del Terziario Avanzato – Edizione 2014

    La crescita dei servizi, in particolare di quelli ad alto contenuto di conoscenza (KIS – Knowledge Intensive Services), è un fenomeno complesso che investe a più livelli sia il sistema produttivo sia la società nel suo insieme. Tale crescita si manifesta sia con un crescente peso delle attività terziarie nella produzione del valore all’interno dell’impresa, sia con la tendenza delle aziende ad esternalizzare alcune fasi della catena del valore.

    Letture: 1.753


    Continua a leggere »
  • cop_Turismo

    Il TURISMO in Abruzzo

    Promuovere la proposta turistica di un territorio significa, necessariamente e prima di tutto, conoscerlo. E per averne conoscenza reale, piena, occorrono sia le informazioni quantitative – i dati – sia l’esperienza, l’assidua frequentazione, la conoscenza empirica. Le informazioni le si deve attingere da fonti diverse. Alcune di queste sono più robuste e consolidate; altre presentano insufficienze di vario genere e un diverso grado di completezza.

    Letture: 1.774


    Continua a leggere »

In Primo Piano

Pubblicazioni Periodiche

ES2015

ECONOMIA E SOCIETA’ IN ABRUZZO – RAPPORTO 2015

Durante il 2015 l’economia italiana ha finalmente mostrato una moderata ripresa, grazie ai bassi prezzi del petrolio, alla debolezza dell’euro e al recupero della domanda interna, con un incremento del Pil pari al +0,8%, valore che rimane tra i più bassi nell’ambito delle economie avanzate, ma che consente di riconoscere nell’anno appena trascorso quello dell’inversione di tendenza rispetto ad anni di deludenti segni negativi.

cop_2k16

Annuario delle Industrie Abruzzesi 2016

L’Annuario delle industrie abruzzesi riporta l’elenco delle aziende di produzione operanti in
Abruzzo con una occupazione minima di sei addetti. Rispetto alle precedenti edizioni, che
includevano le imprese con almeno 10 addetti, la presente conta, pertanto, il raddoppio
delle aziende inserite.

copertina suppl 2014-5

CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE – SUPPL. AL N. 4/2015

2015: UN ANNO DI TRANSIZIONE

ANCHE PER COMMERCIO E ARTIGIANATO

La recente conclusione dell’anno 2015, dopo quella espressa sugli altri settori monitorati dal Cresa, impone una riflessione anche sull’andamento registrato dai settori del commercio e dell’artigianato e sulle aspettative previste per il prossimo futuro.

880X290_4_2015

CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N. 4/2015

SI CONFERMA L’AVVIO DELLA RIPRESA

MA È ANCORA PRESTO PER CANTARE VITTORIA

La fine del 2015 è trascorsa da qualche mese cosicché è possibile sintetizzare gli andamenti che hanno caratterizzato l’anno appena trascorso e avanzare ipotesi sulle tendenze che si potranno manifestare nel prossimo futuro.

880x290_cong_3_2015

CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N. 3/2015


LA MANIFATTURA ACCELERA NEL TERZO TRIMESTRE 2015


SEGNALI INCORAGGIANTI ANCHE DA ALTRI SETTORI, MA LA STRADA È LUNGA

Nei primi tre trimestri del 2015 l’attività economica in Abruzzo ha mostrato un ulteriore generale recupero. Con riferimento a questo periodo, i risultati delle rilevazioni della Banca d’Italia sulle imprese manifatturiere abruzzesi con almeno 20 addetti sono positivi: quasi il 60% degli imprenditori intervistati ha dichiarato un fatturato in crescita rispetto al 2014. La ripresa delle vendite dalle imprese esportatrici si è estesa anche a quelle che operano per lo più sul mercato interno.

cop_ES_2014

ECONOMIA E SOCIETA’ IN ABRUZZO – RAPPORTO 2014

Nonostante il miglioramento rispetto all’andamento dell’anno precedente, il 2014 è stato ancora un anno negativo per l’economia italiana, così come risulta evidente dalla lieve flessione del Pil (-0,2%). Le previsioni attualmente disponibili e i segnali rilevati nel primo semestre fanno prefigurare per il 2015 l’inizio di una fase di ripresa, soprattutto per le aree centrosettentrionali del Paese, che saranno in grado di trarre maggiore vantaggio da alcune situazioni particolarmente favorevoli verificatesi sui mercati internazionali, quali l’accelerazione della domanda mondiale e il deprezzamento dell’euro.

Pubblicazioni Monografiche

VA_cop

IL VALORE AGGIUNTO NEI COMUNI ABRUZZESI

La conoscenza di qualsiasi tipo di fenomeno è fondamentale per poter supportare in maniera adeguata e responsabile ogni decisione che lo riguardi. Tale concetto fu espresso magistralmente da Luigi Einaudi nel 1955 ed è ancora di grande attualità, essendo sempre indispensabile conoscere per poter decidere consapevolmente ed effettuare scelte appropriate, ad esempio sia quelle di policy da parte delle amministrazioni locali sia quelle relative agli investimenti da parte dei soggetti privati.