• speed

    CRESA Informa n. 2/2016

    Natalità e mortalità delle imprese: nel 2015 l’Abruzzo continua a registrare lievi segnali positivi. Permangono problemi per l’artigianato Nel corso del 2015 i registri delle Camere di commercio hanno rilevato

    Letture: 54


    Continua a leggere »
  • Istogramma

    CRESA Informa N. 1/2016

    I fallimenti delle imprese abruzzesi:

    in aumento le procedure aperte nei primi 11 mesi 2015

    Tra gennaio e novembre 2015 le procedure fallimentari aperte dalle aziende abruzzesi sono state 328, contro le 269 del corrispondente periodo del 2014, registrando un incremento del 21,9%, notevole rispetto alla diminuzione del 4,9% segnata dall’Italia e che si configura come terzo peggior risultato tra le regioni italiane.

    Letture: 38


    Continua a leggere »
  • line_chart

    CRESA INFORMA N. 7/2015

    L’occupazione nelle imprese abruzzesi:

    previste 3.920 assunzioni ma 3.090 lavoratori in meno nel IV trimestre 2015

    Per il quarto trimestre 2015 le imprese abruzzesi prevedono 3.920 assunzioni programmate che, confrontate con le 7.010 “uscite” determinate da scadenza di contratti, pensionamento e altri motivi, producono un saldo di 3.090 lavoratori in meno.

    Letture: 337


    Continua a leggere »
  • icona cresa informa

    CRESA INFORMA n. 6/2015


    PRESENZA DI GIOVANI IMPRENDITRICI: L’ABRUZZO SECONDO IN ITALIA

    al 30 settembre 2015

    Letture: 299


    Continua a leggere »
  • 880x290_cong_3_2015

    CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N. 3/2015


    LA MANIFATTURA ACCELERA NEL TERZO TRIMESTRE 2015


    SEGNALI INCORAGGIANTI ANCHE DA ALTRI SETTORI, MA LA STRADA È LUNGA

    Nei primi tre trimestri del 2015 l’attività economica in Abruzzo ha mostrato un ulteriore generale recupero. Con riferimento a questo periodo, i risultati delle rilevazioni della Banca d’Italia sulle imprese manifatturiere abruzzesi con almeno 20 addetti sono positivi: quasi il 60% degli imprenditori intervistati ha dichiarato un fatturato in crescita rispetto al 2014. La ripresa delle vendite dalle imprese esportatrici si è estesa anche a quelle che operano per lo più sul mercato interno.

    Letture: 242


    Continua a leggere »
  • CS-manif-3-2015_1

    INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE IMPRESE MANIFATTURIERE

    Variazioni percentuali rispetto al I semestre 2014

    PRODUZIONE +6,7% FATTURATO +5,8% EXPORT +3,5% OCCUPAZIONE -1,7%

    Letture: 258


    Continua a leggere »
  • cop_ES_2014

    ECONOMIA E SOCIETA’ IN ABRUZZO – RAPPORTO 2014

    Nonostante il miglioramento rispetto all’andamento dell’anno precedente, il 2014 è stato ancora un anno negativo per l’economia italiana, così come risulta evidente dalla lieve flessione del Pil (-0,2%). Le previsioni attualmente disponibili e i segnali rilevati nel primo semestre fanno prefigurare per il 2015 l’inizio di una fase di ripresa, soprattutto per le aree centrosettentrionali del Paese, che saranno in grado di trarre maggiore vantaggio da alcune situazioni particolarmente favorevoli verificatesi sui mercati internazionali, quali l’accelerazione della domanda mondiale e il deprezzamento dell’euro.

    Letture: 653


    Continua a leggere »
  • 880x290_Suppl_1_2-2015

    CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE – SUPPL. AL N. 1-2/2015

    ULTERIORI SEGNALI VERSO IL MIGLIORAMENTO

    L’avvicinarsi della fine dell’anno impone sempre, in qualche modo, la possibilità di una prima rappresentazione delle principali tendenze in atto ma anche qualche ipotesi sulla loro evoluzione futura.

    Letture: 287


    Continua a leggere »
  • CS_Suppl_1_2-2015

    INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE IMPRESE EDILI, COMMERCIALI E ARTIGIANE

    I SEMESTRE 2015

    L’edilizia registra alcuni segnali positivi quali l’incremento annuo di fatturato e commesse e la crescita semestrale dell’occupazione. Proseguono le difficoltà del settore commerciale con diminuzioni del fatturato e dell’occupazione e aumento dei costi.

    L’artigianato mostra risultati negativi di fatturato e ordini ma l’occupazione cresce leggermente nel semestre.

    Le previsioni sono negative per commercio e artigianato e positive per l’edilizia.

    Le grandi imprese registrano le migliori performance tendenziali degli indicatori.

    Letture: 253


    Continua a leggere »
  • icona cresa informa

    CRESA INFORMA N. 5/2015

    III trimestre 2015: aumentano le imprese abruzzesi registrate,in calo il numero di artigiani

    I dati Infocamere, il Sistema informativo delle Camere di Commercio, relativi al III trimestre 2015 confermano quanto già rilevato dal CRESA nelle proprie analisi congiunturali dell’industria, del commercio e dell’edilizia: anche sotto il profilo della nati-mortalità d’impresa, il sistema economico regionale lancia nel complesso i primi segnali di ripresa, che, se confermati nei prossimi mesi, porteranno a concludere che la fase di recessione è ormai finita. L’artigianato, come peraltro già evidenziato nell’indagine CRESA sull’andamento del settore, mostra ancora forti difficoltà.

    Letture: 321


    Continua a leggere »
  • 880x290_1_2_2015

    CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N.1-2/2015

    ON LINE!

    Benvenuti nel Web!
    Questo numero segna l’inizio della nostra avventura digitale.
    Pur cambiando la “forma” lo strumento e, soprattutto, i suoi contenuti non subiranno modifiche se non di natura tipografico-editoriale.
    Sarà più snello, facilmente accessibile e consultabile e soprattutto stampabile da chiunque: addetti ai lavori, studiosi o semplici interessati.

    Letture: 456


    Continua a leggere »
  • news

    CRESA INFORMA N.4/2015

    2015: Per le imprese abruzzesi si prevede un saldo occupazionale positivo.

    Nello stesso periodo le assunzioni aumenteranno del 14%.

    Per il 2015 le imprese abruzzesi prevedono un saldo occupazionale positivo (+2.000 lavoratori circa) recuperando il dato negativo del 2014 (5.100 posti in meno).

    Letture: 442


    Continua a leggere »
  • 880x290_dossier_XIII_GE

    DOSSIER ABRUZZO – XIII GIORNATA DELL’ECONOMIA

    15 giugno 2015
    Presentazione del fascicolo “Dossier Abruzzo”, realizzato dal CRESA in collaborazione con le quattro Camere di Commercio abruzzesi nell’ambito della XIII giornata dell’economia

    Letture: 825


    Continua a leggere »
  • 880x290_GE2015

    15 GIUGNO 2015 – XIII GIORNATA DELL’ECONOMIA

    COMUNICATO STAMPA

    In un contesto nazionale ancora negativo, per il 2014 le stime disponibili ed elaborate dal Cresa indicano per l’Abruzzo una flessione del Pil dell’1,8% in termini reali rispetto all’anno precedente (-0,2% l’Italia).

    Letture: 482


    Continua a leggere »
  • pie_chart

    CRESA INFORMA N. 3/2015

    Una ventata di imprenditorialità giovanile in Abruzzo nel I trimestre 2015

    Durante il I trimestre 2015 il miglioramento delle aspettative per il futuro sembra favorire la rinascente voglia di fare impresa da parte dei giovani under 35. Infatti, secondo i registri delle Camere di commercio, delle 2.704 nuove imprese nate in Abruzzo sono 807 quelle giovanili che quindi rappresentano il 29,8% del totale.

    Letture: 278


    Continua a leggere »
  • 880x290_suppl_4_2014

    SUPPLEMENTO AL N.4/2014

    LA “CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE”
    ABBANDONA LA VERSIONE CARTACEA

    Dopo 39 anni di onorato servizio, la rivista “Congiuntura Economica Abruzzese” non verrà più stampata abbandonando, sin dal prossimo numero 1 dell’anno 2015, la versione cartacea; la pubblicazione non andrà però in pensione, anzi, come già avviene da qualche anno, continuerà a vivere grazie al web ed al sito www.cresa.it, strumento che probabilmente, al di là di azioni necessitate dal sistema camerale di spending review, ha contribuito di più all’addio della rivista cartacea.

    Letture: 411


    Continua a leggere »
  • 2014_4

    CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N.4/2014

    La lunga durata della crisi rischia di produrre effetti permanenti, che rendono più difficile superarla, e la fanno avvitare su sé stessa. È difficile, e lungo, far nascere l’industria, ma se essa scompare è impossibile farla rinascere. L’Italia è la seconda potenza industriale europea e uno dei principali produttori manifatturieri del mondo, e grazie a ciò finora ha tenuto certamente meglio degli altri paesi periferici.

    Letture: 682


    Continua a leggere »
  • speed

    CRESA Informa N. 2/2015

    Nel 2014 il saldo delle imprese abruzzesi torna positivo

    L’artigianato continua a soffrire

    Letture: 548


    Continua a leggere »
  • line_chart

    CRESA Informa N. 1/2015

    Le imprese artigiane straniere in Abruzzo

    Negli ultimi tre anni diminuite del 6,5%, meno del settore nel complesso (-8,7%)

    Letture: 477


    Continua a leggere »
  • 2014_3

    CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N.3/2014

    La crisi ha avuto conseguenze gravose sulla base produttiva industriale di tutto il territorio nazionale: nel periodo 2007-2013 il numero di imprese manifatturiere attive si è contratto ovunque in Italia.

    La flessione delle imprese è stata più consistente nella ripartizione meridionale (-20,6%) rispetto al Centro Nord (-17%). L’Abruzzo (-16%) si è collocato leggermente al di sotto della dinamica media nazionale (-18%).

    Letture: 585


    Continua a leggere »

In Primo Piano

speed

CRESA Informa n. 2/2016

Natalità e mortalità delle imprese: nel 2015 l’Abruzzo continua a registrare lievi segnali positivi. Permangono problemi per l’artigianato Nel corso del 2015 i registri delle

Istogramma

CRESA Informa N. 1/2016

I fallimenti delle imprese abruzzesi:

in aumento le procedure aperte nei primi 11 mesi 2015

Tra gennaio e novembre 2015 le procedure fallimentari aperte dalle aziende abruzzesi sono state 328, contro le 269 del corrispondente periodo del 2014, registrando un incremento del 21,9%, notevole rispetto alla diminuzione del 4,9% segnata dall’Italia e che si configura come terzo peggior risultato tra le regioni italiane.

line_chart

CRESA INFORMA N. 7/2015

L’occupazione nelle imprese abruzzesi:

previste 3.920 assunzioni ma 3.090 lavoratori in meno nel IV trimestre 2015

Per il quarto trimestre 2015 le imprese abruzzesi prevedono 3.920 assunzioni programmate che, confrontate con le 7.010 “uscite” determinate da scadenza di contratti, pensionamento e altri motivi, producono un saldo di 3.090 lavoratori in meno.

CS_Suppl_1_2-2015

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE IMPRESE EDILI, COMMERCIALI E ARTIGIANE

I SEMESTRE 2015

L’edilizia registra alcuni segnali positivi quali l’incremento annuo di fatturato e commesse e la crescita semestrale dell’occupazione. Proseguono le difficoltà del settore commerciale con diminuzioni del fatturato e dell’occupazione e aumento dei costi.

L’artigianato mostra risultati negativi di fatturato e ordini ma l’occupazione cresce leggermente nel semestre.

Le previsioni sono negative per commercio e artigianato e positive per l’edilizia.

Le grandi imprese registrano le migliori performance tendenziali degli indicatori.

icona cresa informa

CRESA INFORMA N. 5/2015

III trimestre 2015: aumentano le imprese abruzzesi registrate,in calo il numero di artigiani

I dati Infocamere, il Sistema informativo delle Camere di Commercio, relativi al III trimestre 2015 confermano quanto già rilevato dal CRESA nelle proprie analisi congiunturali dell’industria, del commercio e dell’edilizia: anche sotto il profilo della nati-mortalità d’impresa, il sistema economico regionale lancia nel complesso i primi segnali di ripresa, che, se confermati nei prossimi mesi, porteranno a concludere che la fase di recessione è ormai finita. L’artigianato, come peraltro già evidenziato nell’indagine CRESA sull’andamento del settore, mostra ancora forti difficoltà.

Pubblicazioni Periodiche

cop_ES_2014

ECONOMIA E SOCIETA’ IN ABRUZZO – RAPPORTO 2014

Nonostante il miglioramento rispetto all’andamento dell’anno precedente, il 2014 è stato ancora un anno negativo per l’economia italiana, così come risulta evidente dalla lieve flessione del Pil (-0,2%). Le previsioni attualmente disponibili e i segnali rilevati nel primo semestre fanno prefigurare per il 2015 l’inizio di una fase di ripresa, soprattutto per le aree centrosettentrionali del Paese, che saranno in grado di trarre maggiore vantaggio da alcune situazioni particolarmente favorevoli verificatesi sui mercati internazionali, quali l’accelerazione della domanda mondiale e il deprezzamento dell’euro.

880x290_1_2_2015

CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N.1-2/2015

ON LINE!

Benvenuti nel Web!
Questo numero segna l’inizio della nostra avventura digitale.
Pur cambiando la “forma” lo strumento e, soprattutto, i suoi contenuti non subiranno modifiche se non di natura tipografico-editoriale.
Sarà più snello, facilmente accessibile e consultabile e soprattutto stampabile da chiunque: addetti ai lavori, studiosi o semplici interessati.

880x290_suppl_4_2014

SUPPLEMENTO AL N.4/2014

LA “CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE”
ABBANDONA LA VERSIONE CARTACEA

Dopo 39 anni di onorato servizio, la rivista “Congiuntura Economica Abruzzese” non verrà più stampata abbandonando, sin dal prossimo numero 1 dell’anno 2015, la versione cartacea; la pubblicazione non andrà però in pensione, anzi, come già avviene da qualche anno, continuerà a vivere grazie al web ed al sito www.cresa.it, strumento che probabilmente, al di là di azioni necessitate dal sistema camerale di spending review, ha contribuito di più all’addio della rivista cartacea.

2014_4

CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N.4/2014

La lunga durata della crisi rischia di produrre effetti permanenti, che rendono più difficile superarla, e la fanno avvitare su sé stessa. È difficile, e lungo, far nascere l’industria, ma se essa scompare è impossibile farla rinascere. L’Italia è la seconda potenza industriale europea e uno dei principali produttori manifatturieri del mondo, e grazie a ciò finora ha tenuto certamente meglio degli altri paesi periferici.

2014_3

CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE N.3/2014

La crisi ha avuto conseguenze gravose sulla base produttiva industriale di tutto il territorio nazionale: nel periodo 2007-2013 il numero di imprese manifatturiere attive si è contratto ovunque in Italia.

La flessione delle imprese è stata più consistente nella ripartizione meridionale (-20,6%) rispetto al Centro Nord (-17%). L’Abruzzo (-16%) si è collocato leggermente al di sotto della dinamica media nazionale (-18%).

suppl_2014_2

Supplemento al N. 2/2014

Nell’attuale fase di crisi l’artigianato è stato colpito in maniera particolare. Nel biennio 2012-2013 vi sono state, in media,3.250 cessazioni pari al 9% delle imprese rispetto
allo stock del 2011, a fronte del 7,8% registrato negli altri settori. Le chiusure non sono state compensate dalla nascita di nuove attività imprenditoriali. La combinazione di questi due effetti (elevata mortalità e bassa natalità) si è tradotta in una riduzione del numero delle imprese artigiane del 3% rispetto al 2011, mentre il numero di imprese non artigiane è rimasto sostanzialmente invariato.

Ann_Ser2014

Annuario del Terziario Avanzato – Edizione 2014

La crescita dei servizi, in particolare di quelli ad alto contenuto di conoscenza (KIS – Knowledge Intensive Services), è un fenomeno complesso che investe a più livelli sia il sistema produttivo sia la società nel suo insieme. Tale crescita si manifesta sia con un crescente peso delle attività terziarie nella produzione del valore all’interno dell’impresa, sia con la tendenza delle aziende ad esternalizzare alcune fasi della catena del valore.

Pubblicazioni Monografiche

cop_Turismo

Il TURISMO in Abruzzo

Promuovere la proposta turistica di un territorio significa, necessariamente e prima di tutto, conoscerlo. E per averne conoscenza reale, piena, occorrono sia le informazioni quantitative – i dati – sia l’esperienza, l’assidua frequentazione, la conoscenza empirica. Le informazioni le si deve attingere da fonti diverse. Alcune di queste sono più robuste e consolidate; altre presentano insufficienze di vario genere e un diverso grado di completezza.