CRESA Informa n. 2/2016

speed

Natalità e mortalità delle imprese: nel 2015 l’Abruzzo continua a registrare lievi segnali positivi. Permangono problemi per l’artigianato

Nel corso del 2015 i registri delle Camere di commercio hanno rilevato in Abruzzo la nascita di 8.689 imprese e la cessazione di 8.556 (al netto delle cancellazioni d’ufficio) cosicché il saldo è risultato leggermente positivo (133). A questo proposito si contraddistinguono in negativo le province dell’Aquila (-150) e Chieti (-106) mentre Pescara ha fatto registrare un saldo positivo di oltre 400 imprese. È quanto emerge dalle elaborazioni che il Cresa ha svolto sulla base dei dati Infocamere-Movimprese, il Sistema informativo delle Camere di Commercio.

“Seppure meno rispetto al 2014 e in misura minore rispetto all’Italia, il sistema imprenditoriale abruzzese cresce, nonostante gli elementi di criticità evidenti in particolare nel settore delle costruzioni – afferma il Direttore del CRESA Francesco Prosperococco – Rimane, però, il problema delle imprese artigiane che perdono oltre 1000 unità, facendo risaltare che quello artigiano è il settore che più di altri sconta la crisi e non ancora riesce ad intravvedere segnali positivi a causa della sua fragilità strutturale, delle difficoltà di accesso al credito, dei lacci e lacciuoli burocratici e della crisi dei consumi”.

Lo stock di imprese registrate al 31 dicembre 2015 ammonta a 148.205, lo 0,5% in meno rispetto all’anno precedente, attribuibile per lo più al calo delle costruzioni (-2,8%), dell’agricoltura (-1,7%) e delle attività manifatturiere (-1,6%), compensati dalla crescita di tutti i comparti attivi nei servizi. Questi andamenti sono sostanzialmente in linea con quanto accaduto a livello nazionale.

Il numero delle imprese iscritte si è ridotto in maniera diffusa tra le province con l’eccezione di Pescara che ha fatto registrare una variazione dello 0,5%.

Al 31 dicembre 2015 le imprese registrate abruzzesi si localizzano per il 31% (45.501) nella provincia di Chieti. A Teramo e Pescara se ne localizza una quota approssimativamente simile (rispettivamente 35.725 e 36.559). Il peso dell’Aquila è leggermente inferiore (30.420 pari al 20%).

Relativamente alle imprese artigiane nel 2015 le cancellazioni (2.942 al netto delle cessazioni d’ufficio) sono state molto più numerose delle iscrizioni di nuove imprese (1.827) per cui il saldo è risultato negativo per oltre mille unità.

Rispetto al 2014 è stato osservato un calo complessivo di 968 imprese attive (-3%). Il calo è stato diffuso in molti settori, principalmente nelle attività edili (-4,9%) e in quelle manifatturiere (-3,2%).

Anche sotto il profilo territoriale il calo è stato diffuso. Tutte le province hanno mostrato diminuzioni prossime al -3%.

In Abruzzo nel 2015 le imprese artigiane registrate sono 32.070. Nella provincia di Chieti se ne localizzano 9.058 (pari al 28% delle imprese artigiane abruzzesi), a Teramo 8.180. A Pescara e L’Aquila ne sono presenti rispettivamente 7.597 e 7.235.

STOCK DI IMPRESE REGISTRATE, ATTIVE, ISCRITTE E CESSATE IN ABRUZZO PER SEZIONI DI ATTIVITÀ ECONOMICA (val. assoluti 2015 e variazione % sul 2014)
Settori Anno 2015
Registrate Attive Iscritte Cessate Saldo Var. % imp. attive
Agricoltura, silv. e pesca 27.469 27.272 672 1.211 -539 -1,7
Estrazione di minerali 111 88 3 1 2 4,8
Attività manifatturiere 14.144 12.018  457 707 -250 -1,6
Fornit. energia elett. e altro 332 310 5 18 -13 1,6
Fornit. Acqua e altro 328 289 4 13 -9 2,1
Costruzioni 20.221 18.176 695 1.259 -564 -2,8
Commercio 35.450 32.601 1.631 2.298 -667 -0,2
Trasporto e magazzinaggio 3.026 2.707 49 159 -110 -2,5
Servizi alloggio e rist. 10.904 9.660 418 736 -318 1,2
Servizi di informazione e com. 2.764 2.499 190 198 -8 2,8
Attività finanziarie e ass. 2.476 2.352  146 169 -23 0,5
Attività immobiliari  3.029 2.753 75 96 -21 3,8
Attività prof., scient. e tec. 3.842 3.468 223 252 -29 1,3
Noleggio, ag. viaggio, serv. alle imprese 4.062 3.731 293 259 34 4,4
Istruzione 640 577 17 31 -14 2,7
Sanità e ass. sociale 862 756 23 34 -11 3,8
Att. artistiche, sportive, intratt. 2.074 1.869 82 117 -35 3,3
Altre attività di servizi 6.540  6.308 294 342 -48 1,4
TOTALE 148.205 127.467 8.689 8.556 133 -0,5
Fonte: elaborazione CRESA su dati Infocamere
STOCK DI IMPRESE REGISTRATE, ATTIVE, ISCRITTE E CESSATE NELLE PROVINCE ABRUZZESI (val. assoluti 2015 e variazione % sul 2014)
Anno 2015
Province Registrate Attive Iscritte Cessate Saldo Var. % imp. attive
L’Aquila 30.420 25.329 1.641 1.791 -150 -0,6
Teramo 35.725 30.682 2.145 2.162 -17 -1,0
Pescara 36.559 31.133 2.503 2.097 406 0,5
Chieti 45.501 40.323 2.400 2.506 -106 -0,8
Abruzzo 148.205 127.467 8.689  8.556 133 -0,5
Fonte: elaborazione CRESA su dati Infocamere
STOCK DI IMPRESE ARTIGIANE REGISTRATE, ATTIVE, ISCRITTE E CESSATE IN ABRUZZO PER SEZIONI DI ATTIVITÀ ECONOMICA (val. assoluti 2015 e variazione % sul 2014)
Settori Anno 2015
Registrate Attive Iscritte Cessate Saldo Var. % imp. attive
Agricoltura, silv. e pesca 265 264 15 45 -30 1,1
Estrazione di minerali 18 16  – 0 0,0
Attività manifatturiere 7.303 7.198 408 607 -199 -3,2
Fornit. energia elett. e altro 1 1 0 0,0
Fornit. Acqua e altro 57 56 1 4 -3 5,7
Costruzioni 11.491 11.373 603 1.299 -696 -4,9
Commercio 2.353 2.343 105 163 -58 -1,7
Trasporto e magazzinaggio 1.676 1.650 48 130 -82 -4,5
Servizi alloggio e rist. 1.156 1.152 110  141 -31 -2,8
Servizi di informazione e com. 362 361 31 45 -14 -3,0
Attività finanziarie e ass. 17 14 0 0,0
Attività immobiliari 4 4 2 7 -5 33,3
Attività prof., scient. e tec. 518 515 36 56 -20 -2,6
Noleggio, ag. viaggio, serv. alle imprese 1.172 1.163 109 92 17 1,0
Istruzione 62 62 4 2 2 1,6
Sanità e ass. sociale 61 61 1 8 -7 -6,2
Att. artistiche, sportive, intratt. 106 106 7 10 -3 -6,2
Altre attività di servizi 5.399 5.383 324 326 -2 0,5
TOTALE 32.070 31.765 1.827 2.942 -1.115 -3,0
Fonte: elaborazione CRESA su dati Infocamere
Print Friendly