Tag Archivio: Artigianato

CRESA Informa n. 2/2016

speed

Natalità e mortalità delle imprese: nel 2015 l’Abruzzo continua a registrare lievi segnali positivi. Permangono problemi per l’artigianato

Nel corso del 2015 i registri delle Camere di commercio hanno rilevato in Abruzzo la nascita di 8.689 imprese e la cessazione di 8.556 (al netto delle cancellazioni d’ufficio) cosicché il saldo è risultato leggermente positivo (133).

Continua a leggere

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE IMPRESE EDILI, COMMERCIALI E ARTIGIANE

I SEMESTRE 2015

L’edilizia registra alcuni segnali positivi quali l’incremento annuo di fatturato e commesse e la crescita semestrale dell’occupazione. Proseguono le difficoltà del settore commerciale con diminuzioni del fatturato e dell’occupazione e aumento dei costi.

L’artigianato mostra risultati negativi di fatturato e ordini ma l’occupazione cresce leggermente nel semestre.

Le previsioni sono negative per commercio e artigianato e positive per l’edilizia.

Le grandi imprese registrano le migliori performance tendenziali degli indicatori.

Continua a leggere

SUPPLEMENTO AL N.4/2014

880x290_suppl_4_2014

LA “CONGIUNTURA ECONOMICA ABRUZZESE”
ABBANDONA LA VERSIONE CARTACEA

Dopo 39 anni di onorato servizio, la rivista “Congiuntura Economica Abruzzese” non verrà più stampata abbandonando, sin dal prossimo numero 1 dell’anno 2015, la versione cartacea; la pubblicazione non andrà però in pensione, anzi, come già avviene da qualche anno, continuerà a vivere grazie al web ed al sito www.cresa.it, strumento che probabilmente, al di là di azioni necessitate dal sistema camerale di spending review, ha contribuito di più all’addio della rivista cartacea.

Continua a leggere

Supplemento al N. 2/2014

Nell’attuale fase di crisi l’artigianato è stato colpito in maniera particolare. Nel biennio 2012-2013 vi sono state, in media,3.250 cessazioni pari al 9% delle imprese rispetto
allo stock del 2011, a fronte del 7,8% registrato negli altri settori. Le chiusure non sono state compensate dalla nascita di nuove attività imprenditoriali. La combinazione di questi due effetti (elevata mortalità e bassa natalità) si è tradotta in una riduzione del numero delle imprese artigiane del 3% rispetto al 2011, mentre il numero di imprese non artigiane è rimasto sostanzialmente invariato.

Continua a leggere