Tag Archivio: rapporto

COMUNICATO STAMPA 15.07.2019

880x290_charts_4

Il sistema manifatturiero continua a crescere sia pur ad un ritmo nel complesso inferiore a quello del 2017.
A differenza di quanto si osserva a livello medio nazionale, produzione e fatturato aumentano.
L’occupazione riporta un 2,2% ben più consistente dell’ 1,2% dell’anno precedente.
Il clima d’opinione riguardo l’andamento nella prima metà del 2019 è moderatamente positivo.

Continua a leggere

Economia e Società in Abruzzo – Edizione 2018

La mission istituzionale del CRESA è lo svolgimento dell’attività di monitoraggio dell’economia e della società abruzzese, che ne fa un soggetto importante per la fornitura a soggetti pubblici e privati di contributi fondamentali, utili in particolare allo svolgimento dell’attività di programmazione delle Amministrazioni pubbliche. Ne costituisce uno strumento cardine il presente “Economia e Società in Abruzzo”, che ha raggiunto quest’anno

Continua a leggere

ECONOMIA E SOCIETA’ IN ABRUZZO – RAPPORTO 2015

Durante il 2015 l’economia italiana ha finalmente mostrato una moderata ripresa, grazie ai bassi prezzi del petrolio, alla debolezza dell’euro e al recupero della domanda interna, con un incremento del Pil pari al +0,8%, valore che rimane tra i più bassi nell’ambito delle economie avanzate, ma che consente di riconoscere nell’anno appena trascorso quello dell’inversione di tendenza rispetto ad anni di deludenti segni negativi.

Continua a leggere

ECONOMIA E SOCIETA’ IN ABRUZZO – RAPPORTO 2014

Nonostante il miglioramento rispetto all’andamento dell’anno precedente, il 2014 è stato ancora un anno negativo per l’economia italiana, così come risulta evidente dalla lieve flessione del Pil (-0,2%). Le previsioni attualmente disponibili e i segnali rilevati nel primo semestre fanno prefigurare per il 2015 l’inizio di una fase di ripresa, soprattutto per le aree centrosettentrionali del Paese, che saranno in grado di trarre maggiore vantaggio da alcune situazioni particolarmente favorevoli verificatesi sui mercati internazionali, quali l’accelerazione della domanda mondiale e il deprezzamento dell’euro.

Continua a leggere
1 2 3